Google

Pagine

Cerca nel Blog


8 ottobre 2017

Spiedini di Pesce Spada con Panure di Pistacchi, Zucchine e Melanzane


Spiedini di Pesce Spada con Panure di Pistacchi, Zucchine e Melanzane: un modo un po' diverso per presentare e mangiare il pesce. Bocconcini  di spada passati in una panure di pistacchi tritati e infilzati in uno spiedino, alternandoli con zucchine e melanzane quindi cotti alla piastra o in forno. 
Il pesce spada è tra i pesci piè magri, ricchi di proteine e molto altro: omega 3, minerali, vitamine ,ecc. La carne è compatta, ma nello stesso tempo delicata e va trattata con un po' di attenzione. Ricco di sapore, si abbina bene con moltissimi ingredienti. In questo piatto, la panure di pistacchi conferisce una componente aromatica unica che, insieme alla croccantezza, rende questi spiedini veramente squisiti. 


Ingredienti x 4 persone:
pesce spada, zucchine, melanzane, piatto senza grassi
  • 800 g di pesce spada
  • 2 zucchine romanesche
  • 1 melanzana
  • olio evo
  • limone bio
  • 40 g di pistacchi sgusciati
  • 30 g di pangrattato 
  • sale pepe 
  • timo
Procedimento:

Tagliare i pesce spada a cubetti regolari.
Preparare una marinata con olio extravergine di oliva, qualche goccia di limone, pepe e timo. Lasciare insaporire il pesce circa 1 ora.
Nel frattempo grigliare le zucchine tagliate a rondelle e le melanzane tagliate a fette sottili. Salare le verdure e condirle con un filo di olio. 
Preparare la panure mescolando  i pistacchi tritati finemente al coltello, il pangrattato, la scorza di limone grattugiata e qualche fogliolina di timo.
Sgocciolare il pesce spada, passare i cubetti  nella panatura facendola aderire bene su tutti i lati. 
Montare gli spiedini alternando il pesce alle verdure e terminando con una fettina di limone piegata su se stessa.
Cuocere sulla piastra o in forno per qualce minuto e servire ben caldi.


testo Giuli Foodie

17 settembre 2017

Mezzi Paccheri con Melanzane, Guanciale, Pecorino e Fichi Settembrini


Mi piacciono le ricette in cui quando meno te lo aspetti si scopre la frutta. Abbinamenti insoliti che rendono alcuni piatti originali e  in grado di regalare al palato sensazioni difficilmente descrivibili ma certamente da provare.

La ricetta Mezzi Paccheri con Melanzane, Guanciale, Pecorino e Fichi Settembrini è un piatto semplice che si basa su ingredienti di stagione, ma anche ingredienti pregiati e di qualità. 
Ho utilizzato delle bellissime melanzane baby, piccole e con la buccia sottile e soprattutto senza semi; il guanciale tassativamente è di Amatrice perché, oltre ad essere il più saporito, sono molto legata a quel territorio e alle sue tradizioni locali;  il pecorino è romano DOP con la sua sapidità abbastanza aggressiva ma nello stesso tempo aromatico; infine i dolcissimi fichi neri settembrini di cui, dall’antipasto al dolce, non si può fare a meno in questa stagione.

Come spesso scrivo, non c’è molto altro da aggiungere e non resta che provare questa splendida ricetta.



Ingredienti x 4 persone:
melanzane, guanciale di Amatrice, pecorino romano, fichi

  • 320 g di mezzi paccheri
  • 5 Melanzane Baby
  • 150 g di Guanciale Amatriciano
  • Pecorino Romano DOP
  • 6 fichi neri settembrini
  • olio evo
  • uno spicchio di aglio
  • basilico 
  • sale e pepe

Procedimento 

Portare sul fuoco una padella, appena calda aggiungere il guanciale tagliato a striscioline e farlo rosolare a fuoco basso finché non sarà dorato e croccante.

Tirare via il guanciale lasciando il fondo di cottura nella padella. Unire le melanzane lavate asciugate e tagliate a tocchetti, unire uno spicchio di aglio e qualche foglia di basilico tritata a mano, salare leggermente e pepare.

melanzane baby, guanciale di Amatrice, pecorino romano, fichi
Saltare a fuoco vivace per pochi minuti.

Nel frattempo cuocere la pasta al dente tenendo un po’ dell’acqua di cottura. 
Saltare la pasta trasferendola nella padella con le melanzane unire il guanciale, unire parte dei fichi tagliati a spicchietti. Impiattare e servire con il pecorino e con i rimanenti fichi.



 testo Giuli Foodie

7 settembre 2017

Peperoni Topepo Ripieni di Riso


Quando ho visto al mercato biologico questi meravigliosi peperoni non ho potuto resistere (troppo carini!) e li ho comprati.
Sono i peperoni Topepo, una delle tantissime varietà di peperoni che danno i migliori frutti da gugno a settembre.

Sono tondi, leggermente schiacciati e piccoli come pomodori (tant'è che vengono chiamati anche peperoni-pomodoro). La polpa è molto spessa e carnosa, il sapore dolce e per questo motivo sono particolarmente adatti ad essere farciti.

I peperoni, oltre ad essere ottimi per un’alimentazione salutare, sono molto versatili in cucina e si trovano in tutta italia in varianti pressochè infinite. Ne ho voluto preparare una versione semplice e delicata che desse risalto al sapore eccezionale di questi frutti, arricchito e bilanciato dalla sapidità degli altri ingredienti.

I Peperoni Topepo Ripieni di Riso sono una ricetta che non delude mai, può essere preparata in anticipo per essere mangiata sia fredda che tiepida ed è sempre ottima!
   

peperoni, riso, olive, capperi, basilico
Ingredienti x 4 persone
  • 8 peperoni topepo
  • 280 g riso arborio
  • 150 g olive taggiasche
  • 8 cucchiai di parmigiano
  • 150 g di scamorza
  • 20 g di capperi sotto sale
  • basilico fresco



Procedimento


Lessare il riso in acqua bollente salata per 7’. Scolare e farlo raffreddare in una terrina quindi sgranarlo con un filo di olio.  

Denocciolare e tagliare a pezzetti le olive, la scamorza e i capperi prima ammollati e dissalati.

Unire il condimento al riso mescolare aggiungendo anche parte del parmigiano e lasciare riposare una mezz’ora.

Nel frattempo tagliare la calotta dei peperoni, eliminare i semi e i filamenti interni (i topepo ne hanno pochissimi). Salare leggermente l’interno, riempire con il composto di riso e spolverare con il parmigiano grattugiato rimanente. Aggiungere un filo di olio, rimettere la calotta.

Ungere appena il fondo di una pirofila, trasferivi i peperoni irrorando ancora con un filo di olio.

Infornare a 180° per circa 45’.



















testo Giuli Foodie

23 luglio 2017

Polpette di Baccalà con Uvetta e Pinoli Tostati



Tradizionali o meno, le polpettine di baccalà sono sempre buone. Facili e saporite sono ideali per un essere servite come come finger food se preparate piccole, ma anche come secondo piatto se la dimensione è quella della polpetta.

Le Polpette di Baccalà con Uvetta e Pinoli Tostati le ho servite su un morbido letto di insalatine da taglio per dare un pò di freschezza a un piatto  già ottimo e completo, ricco di sapori  e consistenze equilibrate.

Queste polpette morso dopo morso conquisteranno chiunque, così è come le ho preparate: 



Ingredienti x 20-25 polpette


baccalà, pane, latte, uvetta, pinoli
  • 1 kg di baccalà già ammollato
  • 2 cucchiaio scarso di uvetta
  • 2 cucchiaio scarso di pinoli
  • 1 limone bio
  • prezzemolo
  • spicchio d'aglio
  • 150 g di mollica di pane 
  • 2 uova piccole
  • Latte
  • Farina di riso
  • Olio di semi per friggere
  • Sale e pepe


Procedimento:



Tagliate a pezzettoni i filetti di baccalà, lessare in abbondante acqua con poco sale.
Cuocere facendo sobbollire il pesce per qualche minuto, 10’ saranno sufficienti e consentiranno di mantenere il baccalà morbido.Scolarlo, privarlo della pelle e delle spine, quindi sminuzzarlo con le mani.
Ammollare l’uvetta in acqua tiepida e quindi strizzarla.
Ammollare la mollica di pane con poco latte.
Inserire in un miniprimer la mollica di pane strizzata, l’uovo, la scorza di limone grattugiato, una punta di aglio e il prezzemolo già tagliato grossolanamente.
Amalgamare poi il composto con il baccalà, l’uvetta e i pinoli tostati. Aggiungere pepe e, solo alla fine, aggiungere sale quanto basta
Formare le polpette.
Portare abbondante olio a temperatura di 170°.
Passare le polpette nella farina di riso e friggere fino a leggera doratura.
Servire su un letto di insalatine da taglio.

testo Giuli Foodie

Ultime ricette pubblicate